FVG

Ripartono i soggiorni di Intercultura all'estero
10Ott

Ripartono i soggiorni di Intercultura all'estero

Ripartono i programmi all’estero di Intercultura, con l’uscita del nuovo bando che già mette a concorso i posti e le borse di studio per i programmi dell’anno scolastico 2021-22.
Il 2020 è stato un anno particolare anche per i programmi di mobilità studentesca. Durante la primavera scorsa, quando per la prima volta il mondo ha dovuto affrontare le incognite della pandemia, diversi studenti sono rientrati in anticipo dalle loro esperienze all’estero. Ora però, gradualmente, iniziano a vedersi dei segnali positivi anche in questo settore. Ad agosto e a settembre, Intercultura, l’Associazione di volontariato senza scopo di lucro che promuove scambi interculturali in tutto il mondo da oltre 65 anni, ha registrato le prime partenze, per diverse destinazioni europee e in qualche caso anche per gli Stati Uniti e altre mete. Ora il nuovo bando (www.intercultura.it/come- partecipare), destinato prioritariamente a studenti nati tra il 1 luglio 2003 e il 31 agosto 2006, si rivolge ai ragazzi che non intendono rinunciare alla possibilità di vivere una delle più importanti esperienze formative per il proprio futuro. L’iscrizione non è
vincolante per la partecipazione, ma deve essere necessariamente effettuata entro il 10 novembre 2020 per potere partecipare alle selezioni. Tra le novità, spiccano l’anno scolastico in Grecia e il trimestre e l’anno scolastico nel Regno Unito.
Contando sulla presenza di oltre 5.000 volontari che operano in tutta Italia, l’Associazione in queste settimane è impegnata in un ciclo di presentazioni, online ma anche in presenza, per far conoscere a tutti gli interessati le opportunità esistenti.
Considerata per quest’anno l’impossibilità di organizzare una riunione informativa come fatto gli anni scorsi, il Centro Intercultura locale ha realizzato un INFOPOINT in Via XXX Ottobre 8A a Trieste, che sarà aperto al pubblico nei giorni 5, 15, 26 ottobre e 2 e 9 novembre dalle 17 alle 19.
   
Per studenti, genitori e insegnanti interessati, sarà l’occasione di conoscere i volontari Intercultura della zona, che seguiranno passo passo l’esperienza dei ragazzi e delle loro famiglie. Ci sarà anche l’occasione di incontrare diversi studenti rientrati da poco dall'esperienza all’estero, che racconteranno la loro vita presso la scuola locale e con la loro famiglia ospitante.
I volontari spiegheranno al pubblico anche le modalità per richiedere una borsa di studio. Intercultura, in quanto Associazione di volontariato senza scopo di lucro, da sempre mira ad avere un impatto sociale forte sulla nostra società, attraverso centinaia di borse di studio, che provengono da un fondo proprio e dalle donazioni liberali di aziende, enti e fondazioni che sostengono i progetti dell’Associazione.
Per chi non potesse visitare l’Infopoint nelle date previste, sul sito nazionale di Intercultura ogni settimana è possibile seguire una diretta online per scoprire le Storie dei ragazzi che sono stati in tutto il mondo e le caratteristiche dei programmi e del bando di concorso. Per registrarsi: www.intercultura.it/presentazioni-online
L’EFFETTO INTERCULTURA: UN’ESPERIENZA CHE FA CRESCERE E CHE CAMBIA LA VITA
Molte delle persone che sono partite dalle scuole del territorio di TRIESTE, sia recentemente che molti anni fa, riconoscono il forte impatto dell’esperienza Intercultura nel loro percorso di crescita: Giulia Mauro (2019-20) (“Non avrei mai creduto che sarei stata in grado di sentirmi a casa passeggiando da sola per il caotico centro storico di Tunisi, tra la musica e gli odori delle spezie. Partire per l'estero non mi ha solo aperto nuovi orizzonti, ma mi ha dato la sicurezza necessaria per poterli varcare”); Fabio Pasian (1969-70), dirigente di ricerca con ruoli di responsabilità in missioni spaziali per l’astrofisica (“Ho sviluppato in quell’anno la capacità di osservare le cose da più punti di vista, il che mi ha fatto fare un salto di qualità nel mio lavoro”).
Del resto le testimonianze e i dati a supporto di queste affermazioni non mancano, ad iniziare dalle dichiarazioni di personaggi che in passato hanno partecipato ai programmi di Intercultura, come Samantha Cristoforetti (“I miei orizzonti si sono ampliati come non avrei mai potuto immaginare; io la renderei un’esperienza obbligatoria per tutti”), Luca Parmitano (“È stata l’esperienza che mi ha
     Studenti e genitori di TRIESTE e GORIZIA interessati a ricevere maggiori informazioni sui programmi possono contattare i volontari del Centro locale di Trieste, inviando un messaggio via Whatsapp al numero 370 1163659.
 
 
Secondo un’indagine condotta dall’Istituto di ricerca Ipsos su un campione di 886 partecipanti ai programmi di Intercultura, partiti tra il 1977 e il 2012
Il beneficio del singolo studente, insomma, va a ricadere sull’intera collettività. Lo dimostra anche una ricerca sviluppata nel corso del 2020 dalla Fondazione Intercultura. Sviluppata con metodologia SROI e focalizzata sull’analisi dell’impatto sociale generato dal programma di mobilità studentesca, da questo studio emerge che per ogni euro investito nei programmi di mobilità studentesca di Intercultura, sono stati generati 3,13 euro di beneficio sociale.
Intercultura è un’Associazione di volontariato senza scopo di lucro, fondata in Italia nel 1955, eretta in Ente Morale posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri e riconosciuta con decreto dal Presidente della Repubblica (DPR n. 578/1985). L’Associazione è gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. È presente in 161 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS ed all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Esteri e dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per oltre 40 anni di attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove, organizza e finanzia scambi ed esperienze interculturali, inviando ogni anno centinaia di ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accogliendo nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.
● l’84% di chi partecipa a un programma di Intercultura si laurea vs la media italiana
 tra ex liceali pari al 56%
● il 32% ottiene il massimo alla laurea rispetto al 24% della media nazionale
● l'89% conosce mediamente due lingue straniere, rispetto alla media italiana del 24%
● l'84% dichiara di non avere avuto difficoltà a trovare/cambiare cambiare lavoro;
● il 69%si dichiara complessivamente molto felice, uno stacco netto rispetto alla media
degli italiani che è del 47%
● il 48% ha svolto attività di volontariato, rispetto alla media degli italiani del 13%
   INTERCULTURA- Ufficio Stampa: Corso Magenta 56, 20123 Milano. Tel. 02 48513586 - www.intercultura.it
 

Iscriviti alla nostra newsletter


Rimani aggiornato su tutte le attività di Born in FVG.