Corregionali

Alex Michieli, da Udine a Maiorca:“Una terra che assomiglia al Friuli"

Alex Michieli, da Udine a Maiorca:“Una terra che assomiglia al Friuli"

“Udine mi è rimasta nel cuore”, Alex Michieli nonostante abbia scelto un’isola vivace e solare come Maiorca per vivere non scorda le sue radici. Dieci anni fa esatti toccava terra all’aeroporto della capitale delle Isole Baleari. Una destinazione giusta per poter crescere professionalmente in una bellissima città, grande ma non troppo, positiva ma dai ritmi rilassati, e con un tessuto sociale fortemente internazionale. “Poi – aggiunge Alex - oltre a un mare stupendo, un friulano non può rinunciare alla vista delle montagne e a Maiorca c’è una fantastica catena montuosa, la Serra de Tramuntana, dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Ogni inverno osservo la sua vetta imbiancata”. Restando fedele alla sua passione d’infanzia, trasformata ormai in una professione della quale l’anno prossimo celebrerà il trentennale, è uno speaker professionista (pubblicità, documentari, e-book, corsi, video aziendali, ecc…), nonché direttore artistico e programmatore musicale di un’emittente radiofonica fra le più importanti della città di Palma.  In Friuli ci torna ogni anno: “Adesso che il mio lavoro si svolge utilizzando la rete, cosa che mi permette di essere operativo da dovunque, senza più alcun vincolo territoriale, ho anche valutato l’ipotesi di tornare: ciò che mi frena è il fatto che il Friuli si trovi in Italia, dove hai paura di aprire la cassetta delle lettere ogni mattina, le tasse sono soffocanti e la vita costa il doppio: dimezzerei letteralmente il mio potere d’acquisto e non ne vale la pena”. Ultimamente, proprio grazie a questa situazione di libertà operativa, e al fatto di essere libero anche sentimentalmente ad Alex stuzzica l’idea di provare a vivere in un posto nuovo, nel quale magari la vita sia ancora più semplice e rilassata. “Sull’isola – spiega - la “pressione” sta crescendo anno dopo anno. Sicuramente sarebbe difficile rinunciare ad amicizie, affetti, all’inserimento personale e uno stile di vita comunque piacevole in un’isola della quale continuo ad essere innamorato. Se rimango qui vorrei aprire il Fogolâr Furlan (associazione legata all’Ente Friuli nel Mondo) delle Baleari. Siamo in tanti sull’isola e sarebbe sicuramente un’iniziativa bella e appagante”. 
Paola Del Degan