Corregionali

Avventura solidale su due ruote da Trieste

Avventura solidale su due ruote da Trieste

 
Anche quest’anno tre amici: Fabrizio Rapagna, Furlan Neil Marino e Walter Puissa sono partiti alla volta dell' Olanda in bici con uno scopo sociale. 
"Nel 2018 il nostro tragitto - raccontano - toccherà Olanda Belgio e Francia, partendo da dove abbiamo terminato l’altro anno, ovvero Amsterdam, per terminare dopo circa 1200km a Nantes, città contesa dalla provincia di Bretagna e dai Paesi della Loira (NDR: che vuoi dire qui?). Il nostro obiettivo è sempre quello di scoprire qualcosa in più sul mondo del sociale, usando la bicicletta come mezzo di locomozione e di riflessione, dato che mentre si pedala non sono solo le gambe che si muovono, ma anche il cervello. Quest’anno ci fermeremo vicino ad Amsterdam, dove si trova il paesino di Hogewei: in realtà è una casa di cura organizzata come un piccolo paese, così da permettere ai pazienti di condurre una vita quasi normale. Al suo interno ci vivono 152 persone, affette da una grave forma di demenza senile o da uno stadio avanzato di Alzheimer, che abitano in 23 case contornate da ristoranti, caffè, negozi, un salone di bellezza, un teatro e un cinema. In tutte le strade ci sono telecamere per monitorare i pazienti, mentre i giardinieri, i cassieri, gli impiegati della posta sono in realtà infermieri e medici. Il centro è stato finanziato dal governo olandese".
Due degli amici in bici lavorano nella cooperativa sociale LA.SE. e dove prestano lavoro presso alcune case di cura a Trieste.
"La seconda tappa del viaggio sociale sarà in Francia, a Nantes, dove visiteremo la cooperativa francese Océane, che produce e commercializza frutta e verdura inglobando al suo interno lavoratori con contratto di solidarietà. Speriamo di riuscire a pedalare tutti questi km nei giorni previsti, senza sbagliare strada e di riuscire a fare qualche chiacchierata con quelli che sono lo scopo della nostra pedalata sociale". Il rientro è previsto il 13 maggio.
Micol Brusaferro