Corregionali

Diego Canciani, dal pub alla docenza universitaria in UK

Diego Canciani, dal pub alla docenza universitaria in UK

 
Diego Canciani è un ragazzo di 38 anni nato e cresciuto a Gabrovizza. Diplomato all’IPSIA Luigi Galvani nel 2003 decide di cercare fortuna a Londra. Oggi insegna criminologia alla University of Roehampton e gestisce una partnership tra la sua università e un'istituzione scolastica cipriota. Gli inizi nella capitale inglese però non sono stati semplici. “La barriera linguistica era più alta del previsto e per qualche settimana ho fatto difficoltà a trovare lavoro, prima in un pub a King’s Cross Station, dopo due mesi  in una ditta di raccolta di spazzatura riciclabile che operava porta a porta. Faceva freddo, ma finivo alle 3 del pomeriggio e riuscivo ad andare a studiare l' inglese dopo il lavoro. Volevo andare all’università, così mi sono iscritto ad un corso di Sociologia e Scienze Politiche Europee alla London South Bank University. Ho lasciato la ditta di riciclaggio per lavorare part time come agente di sicurezza. Nel 2008 ho ottenuto una borsa di studio per iniziare un dottorato di ricerca che comparava le politiche di vigilanza italiane e inglesi usate per la normativa della sicurezza sul lavoro ma nel 2011 la borsa di studio è finita e per comodità ho chiesto nel dipartimento se potevo aiutare ad insegnare.” Qualche anno fa Diego coglie al volo l'occasione di insegnare in un'altra università inglese, la University di Roehampton. “Il mio lavoro è una sfida tra il valore monetario dato all’educazione accademica ed il suo valore sociale, etico e morale. Sento di avere la responsabilità di cambiare il corso della vita di tanti studenti, di ispirarli e nutrire i loro interessi e passioni, ma spesso questi non sono interessati a sognare in grande. Tanti studenti arrivano all’università con pochissima autostima, ansiosi di fallire e preoccupati del debito che avranno alla fine dei loro studi.” Oltre a insegnare Diego ha pubblicato anche un libro qualche mese fa. “Il libro è una comparazione delle politiche di vigilanza inglesi e italiane adottate dagli ispettorati responsabili a vigilare le normative della sicurezza sul lavoro.” Diego continua a vivere e ad insegnare a Londra, ciò nonostante porta Trieste sempre nel cuore. “Trieste mi manca molto e ci torno due o tre volte all’anno. Mi manca la compagnia della famiglia e degli amici d’infanzia. Dopo 15 anni a Londra non sono ancora riuscito a costruire un capitale sociale. Emigrare all’estero è necessario a volte, ma la considero una violenza che non consiglio a nessuno.”
Rajko Dolhar