Corregionali

Domen, da Trieste a Bangkok, tra studio e viaggi avventurosi

Domen, da Trieste a Bangkok, tra studio e viaggi avventurosi

 
 
Domen Frandolič è un ragazzo di 25 anni, che da qualche mese vive e studia a Bangkok in Tailandia. “Ho scelto di partire dopo aver terminato il primo semestre del primo anno di specialistica all'Università Bocconi di Milano, dove studio Amministrazione, finanza e controllo. Dopo aver provato l'esperienza Erasmus in Spagna, volevo una destinazione che non fosse in Europa. Il Sud America lo avevo già girato un po’. Inoltre, tra le ragioni per cui ho scelto l'Asia, ci sono il clima, il Paese stesso (la Tailandia è tra i più ricchi ed evoluti del Sud Est Asiatico), la possibilità di viaggiare e soprattutto la qualità dell'Università, tra le più importanti di quest'area.”
A Bangkok Domen svolge una “normale” vita universitaria ma la differenza principale è sicuramente la possibilità che ha di viaggiare. “Visto che frequento i corsi solamente nel fine settimana, questo mi lascia parecchio tempo libero per spostarmi ed esplorare la Tailandia ma anche i Paesi circostanti. Oltre a questo, il costo della vita qui è molto più basso che da noi e poi adoro la cucina tailandese.” Viaggiare e scoprire culture nuove sono due caratteristiche che contraddistinguono Domen sin da piccolo, quando si spostava molto con i suoi genitori. Ma un viaggio in motocicletta non lo aveva mai fatto... “Qualche mese fa ho visitato il nord della Tailandia in moto con degli amici spagnoli e lì sono venuto finalmente in contatto con la gente del posto. Una sera, presi un po' alla sprovvista dal buio e dall’assenza di rete nei cellulari, ci siamo persi. Eravamo in un paese in montagna con forse un centinaio di abitanti. Non c'erano ostelli e non sapevamo dove passare la notte. Alla fine siamo stati accolti da una famiglia molto gentile. É stata un’esperienza particolare. Sebbene fossero molto poveri, sono stati molto ospitali con noi, dandoci da mangiare e da bere. Il problema principale era la comunicazione, in quanto non parlavano inglese. Dopo aver cenato abbiamo capito che era ora di andare a dormire, perché i ritmi della gente di questi paesi montani seguono quelli della natura. Si va a dormire un paio d'ore dopo il tramonto e ci si sveglia all'alba. I posti che ho visitato nel nord della Tailandia sono incantevoli. C’è un energia molto particolare. La gente è molto più calma e vive uno stile di vita molto simile a quello che hanno vissuto i nostri nonni.”
Rajko Dolhar