Corregionali

LAURO MILAN, DA SAN GIORGIO A MARRAKECH CON L’AMORE PER LA CULTURA

LAURO MILAN, DA SAN GIORGIO A MARRAKECH CON L’AMORE PER LA CULTURA

 
La vita di Lauro Milan è un incrocio di storie ed emigrazione. Il padre Eugenio e la mamma Sandra, dopo aver trascorso diversi anni in Svizzera, hanno sentito forte il richiamo della loro terra e così l’anno successivo al terremoto la famiglia Milan fa le valigie e rientra a San Giorgio di Nogaro. Dopo aver frequentato il Malignani di Udine Lauro ha cominciato a scalpitare per andarsene da una regione che gli stava “stretta”. “Ho fatto alcune esperienze lavorative a Roma e Milano – spiega – poi mi si è aperta un’opportunità al fianco di Marta Marzotto come amministrativo di fiducia. Era una persona eclettica e questo ti costringeva ad aprire la mente e ad adattarti a tante situazioni nuove. Ho lavorato al suo fianco per 12 anni e da lei imparato moltissimo, frequentando un ambiente stimolante e ricco di arte e cultura. Per lei conservo una forte stima e un bellissimo ricordo”. Lavorando per Marta Marzotto ha anche scoperto e apprezzato il Marocco, un Paese che ora è diventato anche un po’ “suo”, la nazione da cui ha ricominciato con un’attività in proprio, a 33 anni, fondando una società di costruzioni. “Ho sempre avuto la convinzione che per fare impresa – spiega Lauro - sia importante conoscere il territorio in cui si agisce e avere la maturità giusta per assumersi tutte le responsabilità che ne conseguono. Così ho puntato sulla rivitalizzazione e conservazione urbana del centro storico, la medina, di Marrakech per la quale sentivo una forte attrazione e interesse. Di difficoltà ne ho incontrate molte e la mia ancora di salvezza si sono rivelati i principi e i valori assorbiti in famiglia". La sua ultima “creatura” è Le Jardin Secret, un'antica dimora signorile che rappresenta un museo a cielo aperto immerso nel cuore della città antica. Lauro ha voluto far rinascere questo importante palazzo con un restauro accurato, regalando così ai turisti e ai locali un luogo storico ma anche un giardino prezioso tutto da scoprire. 
Lauro Milan si divide tra il lavoro a Marrakech e la famiglia che risiede a Udine. Sempre al suo fianco la moglie Carla Cescon, nata in Argentina, a Buenos Aires, da papà friulano originario di Ariis e mamma figlia di emigranti friulani, Estela, che, ci confida Lauro, ha il Fogolâr Furlan come punto di riferimento inossidabile, ama il Friuli, i suoi luoghi, la sua storia e parla fluentemente la marilenghe, decisamente meglio dell'italiano. Ma anche Carmen, la sorella di Lauro che vive a Marano, è sposata con un friulano nato in Australia dove i genitori erano emigrati dopo la guerra. "Tutta la nostra famiglia è legata a storie di emigrazione e ho imparato che per chi ha sangue friulano è impossibile slegarsi da queste radici così forti e onnipresenti”.
Paola Del Degan