Associazioni

Saluto di Dario Locchi, presidente AGM, all’inaugurazione del 18° Corso Origini
15Nov

Saluto di Dario Locchi, presidente AGM, all’inaugurazione del 18° Corso Origini

 
 
Il presidente dell' Associazione Giuliani nel Mondo Dario Locchi è intervenuto nei giorni scorsi alla presentazione del Corso Origini, iniziativa dedicata ai discendenti di emigrati all'estero, che a Trieste seguiranno un progetto e alcuni stage in attività e aziende del territorio, grazie al MIB.
"Porto il saluto - ha esordito - a nome di tutte le associazioni rappresentative dei corregionali all’estero. Il Corso Origini è stato una brillante intuizione del professore Vladimir Nanut, inizialmente limitata al FVG ed ora estesa a tutte le Regioni italiane grazie all’ICE e all’allora direttore generale per gli italiani all’estero, Cristina Ravaglia, ora Presidente del Collegio del mondo unito di Duino. È stata una formula vincente - ha sottolineato - come dimostra il fatto che in 17 anni oltre duecento giovani da tutto il mondo abbiano vissuto questa splendida esperienza e ne siano rimasti affascinati, come dimostrano tutti gli interventi svolti dai partecipanti alle cerimonie conclusive del Corso, ed in particolare quelli riportati nel libro. Ma se il Corso ha avuto successo lo dobbiamo, oltre al prof. Nanut, ad altri due artefici: il prof. Sambri, per il prezioso ed indispensabile lavoro di ricerca di sponsor e di aziende disposte ad accogliere i ragazzi per lo stage di due mesi; ed il prof. Pilotto, l’anima del Corso, per la sua magistrale conduzione, attenta non solo all’aspetto formativo, pur importante, ma anche ad approfondire il legame fra i partecipanti e la terra di origine delle loro famiglie. C’è un altro artefice del corso ed è la Regione FVG. Ringrazio l' assessore Roberti, di cui mi piace sottolineare la disponibilità fin da subito manifestata nei confronti delle tematiche dei corregionali all’estero e delle loro associazioni. Ma voglio pubblicamente dare atto - aggiunge -  all’assessore regionale alle attività produttive di allora, Sergio Dressi, oggi presente, che nel 2001 ebbe un ruolo determinante per la riuscita del progetto. Da ultimo rivolgo un plauso al MIB, che quest’anno ha celebrato il proprio trentennale e che rappresenta indubbiamente un centro di eccellenza per la formazione manageriale ed un fiore all’occhiello per la nostra città".