Associazioni

Visita AGM in Brasile, mostra e iniziative da Brasilia a Rio
30Nov

Visita AGM in Brasile, mostra e iniziative da Brasilia a Rio

 
A quota dieci i Circoli Giuliano Dalmati in Brasile con la costituzione di due nuove realtà Associative Goriziano-Bisiache. In atto mostre ed una nutrita serie di iniziative da Brasilia a Rio grazie alla collaborazione dell'Ambasciata e Consolato.
Una mostra storico-documentaria sulla travagliata vicenda dell'emigrazione giuliano – dalmata, ma adeguata alle nuove realtà dell'expats – composta da alcune decine di pannelli, denominata "Ierimo, semo, saremo", efficace espressione dialettale coniata da un circolo giuliano canadese che significa "Eravamo, siamo, saremo" che appunto rappresenta l'attaccamento alle proprie radici ed alla propria identità – allestita all'Ambasciata d'Italia a Brasilia, successivamente al Consolato Generale a Rio de Janeiro; la celebrazione del XXX di fondazione del Sodalizio Friuli Venezia Giulia a San Paolo; la costituzione di due nuove realtà associative rispettivamente a Londrina ed a Nord Paranà (composta soprattutto da goriziano - bisiachi li giunti nel lontano 1894) che vanno ad aggregarsi alle 8 realtà già attive da decenni in terra brasiliana: questo in sintesi il quadro delle iniziative in fase di attuazione in questi giorni da parte dell'AGM di Trieste nell'ambito del Progetto "Insieme in Brasile".
A sottolineare l'importanza di una collaborazione tra associazioni nazionali hanno aderito con la loro presenza Ilaria Del Bianco, presidente della Lucchesi nel Mondo ma anche in veste di presidente dell'UNAIE (Unione Nazionale Associazioni Immigrati ed Emigrati) ed Oscar De Bona presidente dei Bellunesi nel Mondo (presenti loro 35 soci).
Al taglio del nastro dell'esposizione a Brasilia – presente il Coro Italiano dell'Università della capitale carioca – l'Ambasciatore Antonio Bernardini ed il presidente dell'AGM di Trieste Dario Locchi nei loro  indirizzi di saluto, come pure a Rio, il Console Generale Paolo Miraglia Del Giudice hanno sottolineato l'importanza dell’iniziativa, che ha come finalità una riflessione generale sull'emigrazione storica ma anche sulla necessità di una simbiosi tra la seconde e terze generazioni dei discendenti e la numerosa schiera dei protagonisti del sempre più accentuato fenomeno della nuova emigrazione.
All'iniziativa ha collaborato il Console Onorario di Trieste Judith Moura de Oliveira.
Della delegazione ufficiale giuliana fanno parte anche il vicepresidente Franco Miniussi ed il componente del Consiglio Direttivo Leonardo Gambo (curatore delle due mostre).
Il primo, che rappresenta pure l'Associazione Culturale Bisiaca, si sposterà a Londrina ed a Nord Paranà per il Primo Incontro dei discendenti delle famiglie Clagnan, Miniussi, Bossa, Gambini, Tavares, Donizeti Lamin e relativa costituzione delle loro realtà associative, dove risiedono non meno di un centinaio di persone.
Alle varie iniziative hanno presenziato i presidenti delle associazioni giuliane: Roberto Max Lucich Storai (Brasilia), Marco Forgiarini (Rio), Giulia Farfoglia Barbieri (San Paolo), Claudio Ferranda (San Paolo), Maria Josè Cettina De Luca Coltro (Curitiba), Rosa Maria Clagnan Colombari (Pirassununga), Donizeti Lamin (Tangarà de Serra), Clovis Clagnan (Sertaozinho).