FVG

603 giorni in Cantiere Friuli
07Gen

603 giorni in Cantiere Friuli

 
 
Ventidue eventi pubblici tra gli anni accademici 2017-2018 e 2018-2019, tra i quali 14 proposti dalle Officine di Cantiere nella forma di seminari e convegni su una tematica specifica con la presentazione di ricerche e il coinvolgimento di esperti esterni e istituzioni/enti del territorio, e 3 eventi in “corso d’opera”, cioè quelli in cui il Cantiere ospita e sposa un progetto o una ricerca esterna in linea con i propri obiettivi. Ben 105 le ‘voci’ coinvolte (45 relatori interni all’Università, 65 relatori esterni) e oltre 630 i partecipanti agli eventi pubblici da dicembre 2017 a luglio 2018) e 480 per l’anno in corso, tra la fine di settembre e i primi giorni di dicembre. Sono questi alcuni dei dati esposti alla presentazione dell’attività del Cantiere Friuli dell’Università di Udine, nella relazione introduttiva del coordinatore e delegato dell'Ateneo friulano per il territorio Mauro Pascolini. Progetto avviato nel 2017, “Cantiere Friuli. L’Università che ri-costruisce” è stato ideato con il sostegno determinante del Direttore Generale dell’Università di Udine, Massimo Di Silverio, nell’ambito del Piano strategico dell’Ateneo, attraverso il quale l’Università intende proporsi al territorio come agenzia di sviluppo ed esempio di buone pratiche, attraverso la produzione di idee e progetti per il Friuli, in una prospettiva di ri-costruzione, sulla scia dell’esemplare stagione della ricostruzione seguita al tragico terremoto del 1976, da cui la stessa Università di Udine ebbe origine.